[06/04/2006] Aria

Il Comune presenta i dati sull´ambiente, Piombino sorride

PIOMBINO (Livorno). Per l’aria di Piombino «il 2005 è stato il secondo miglior anno nell’ultimo quinquennio». Lo dice il sindaco Gianni Anselmi (nella foto), presentando i dati sulla situazione ambientale della città. Un dato, spiega Anselmi, «superato soltanto dal 2002, anno in cui fu inaugurata la nuova batteria 45 forni». «Nel giugno scorso – prosegue Anselmi – i dati erano a 6,7 nanogrammi per metrocubo e fu lì che emanammo l’ordinanza sull’allungamento dei tempi di distillazione. Nel settembre erano risaliti a 8,3 e, dopo l’ordinanza che imponeva la messa in riscaldo della 27 forni, hanno cominciato a scendere. A dicembre erano a scesi infatti a 3,7». Nel quartiere del Cotone, la concentrazione media annua di benzoapirene è stata infatti di 3,7 ng/m3 contro i 9,6 dell’anno precedente. Migliorano, secondo il Comune, anche le polveri fini. Dall’inizio del 2006 sono stati 10 i superamenti del valore limite di 50 mg/m3, mentre nei primi tre mesi del 2005 erano stati 22 e nel 2004 addirittura 32.

Il Comune dice di attendere un segnale da Lucchini anche per quanto riguarda le bonifiche: «L’azienda si è impegnata a presentare un progetto per lo spostamento dell’ex Siderco». Un capitolo, quello delle bonifiche, che sembra essere molto a cuore all’amministrazione piombinese, impegnata nella realizzazione della piattaforma Tap per il trattamento dei rifiuti industriali e nella elaborazione del progetto definitivo per «Città Futura», che dovrebbe essere presentato per la fine del mese.

Per l’amministrazione è positivo anche il quadro riguardante la qualità del mare: in tutto il territorio comunale non vi sono, infatti, divieti di balneazione. «E’ il frutto di alcuni interventi strutturali – spiega ancora Anselmi – che hanno interessato le zone a maggior criticità rappresentate da Pennello Dalmine e dal Canaletto, dove sono stati effettuati interventi sul sistema fognario associati a controlli che hanno permesso di individuare e sanare diverse realtà non allacciate alla pubblica fognatura. Adesso vorremmo puntare a conseguire la bandiera blu e la qualità della acque è uno degli aspetti che vengono presi in considerazione per conseguire questo importante riconoscimento».

A febbraio 2005 il Comune ha approvato il Piano di classificazione acustica ed il relativo regolamento. Attualmente sta preparando il Piano di risanamento acustico e sono in itinere i piani aziendali, ad oggi presentati dalle maggiori aziende presenti sul territorio. Sulla base di questo Piano verrà redatta una cartografia per individuare le criticità emerse nel corso di questi anni.

Torna all'archivio