[31/03/2008] Parchi

429 Siti di importanza comunitaria: Rete Natura difende il 20% del territorio Ue

BRUXELLES. Si estende ancora la rete di “Natura 2000” che difende la fauna e la flora europea, si aggiungono così 18.784 chilometri quadrati e 489 nuovi Siti di importanza comunitaria (Sic) e la “Rete natura 200” copre ora il 20 % del territorio terrestre dell’Ue e 100 mila km2 dei suoi mari. «Natura 2000 è l’arma più potente di cui dispone l’Europa per lottare contro l’impoverimento della biodiversità – ha spiegato Stavros Dimas, commissario Ue all’ambiente - Sono felice di constatare che la nostra rete di zone protette non cessa di estendersi. Questo significa che guadagniamo terreno nei nostri sforzi per fermare la perdita di biodiversità in Europa entro il 2010. La preservazione della biodiversità è la nostra assicurazione sulla vita per il futuro».

Tra gennaio e marzo, nelle regioni biogeografiche alpinE, mediterranea e macaronesiana, 10 Paesi hanno iscritto nuove zone sulle loro liste di “Siti di importanza comunitaria”. L’Austria ha istituito tre nuovi siti, tra i quali le praterie secche di Fliesser Sonnenhänge che ospitano la farfalla Argynnis paphia; Cipro ha aggiunto ben 36 siti, tra i quali il lago salato di Larnaka, la Finlandia ha 5 nuovi Sic compreso quello di Mieraslompolon kenttä, dove si trova la farfalla Erebia medusa; la Francia ha designato 32 siti tra i quali la Grotte de la source du Jaur, una rete di grotte dove si rifugiano numerose specie di pipistrelli tra i quali il Miniottero di Schreibers (Miniopterus schreibersi); Malta, fino ad oggi refrattaria a Rete Natura 2000 per problemi venatori, ha istituito 27 siti, tra i quali le falesi costiere di Rdumijiet ta Malta, dove nidificano le Berte minori (Puffinus yelkouan); la Polonia ha 18 nuovi siti, compresi i monti Góry Slonne dove vive la lince (Lynx lynx) e il lupo (Canis lupus); la Slovacchia ha inserito fra i molti Sic istituiti anche Mala Fatra, nei Carpazi, una zona agricola popolata da orsi e lupi; la Slovenia ha protetto circa 750 km2 nelle Alpi Giulie, dove vivono gli orsi bruni che a volte sconfinano in Italia; la Spagna ha designato 3 nuovi siti nelle isole canarie, comprese le praterie sottomarine di Sebadales de Guiguí; la Svezia ha aggiunto alla sua lista altre 10 piccole aree.

Torna all'archivio