[28/03/2008] Acqua

Carenza idrica, 15 milioni di euro per la lucchesia

FIRENZE. Finanziamenti importanti per la tutela quali-quantitativa della risorsa idrica in provincia di Lucca. L’impegno finanziario di 15 milioni di euro (5 milioni per l’entroterra versiliese e il lago di Massaciuccoli, 10 milioni per la piana di Lucca) è assunto interamente dalla Regione Toscana con il bilancio 2008. A rendere noto l’importante provvedimento sono stati gli assessori alla risorse idriche Marco Betti e all’edilizia sostenibile Eugenio Baronti. Il territorio ha necessità di risposte urgenti in merito alle situazioni di carenza idrica a scopo idropotabile, per la riduzione degli impatti sulle falde idriche della zona attraverso la riduzione degli emungimenti industriali e ad interventi per mitigare il fenomeno della subsidenza. Non è più possibile quindi aspettare i soldi del Ministero.

Infatti la storia parte da lontano: nel 2004 e nel 2005 il consiglio regionale della Toscana aveva approvato l’elenco degli interventi urgenti, necessari a dare attuazione alle specifiche previsioni della legge 58 del 2003, che stanziava in proposito 90 milioni di euro. Ne erano seguiti 3 accordi di programma: uno per l’entroterra versiliese e la costa, l’altro per il completamento delle risorse idriche del lago di Massaciuccoli, il terzo per la tutela delle risorse idriche del Serchio e degli acquiferi della piana lucchese di Capannori e Porcari e del padule di Bientina. Le opere dovevano essere realizzate in cofinanziamento (con quota prevalente a carico del Ministero dell’ambiente e l’apporto proporzionale della Regione e degli enti locali interessati).

Due anni fa il Ministero confermava l’impegno ma ad oggi non è arrivato ancora un euro. Di qui la decisione assunta dalla giunta regionale di mettere a disposizione subito un anticipo (già approvata la delibera) nell’ambito degli accordi di programma stipulati, in attesa del compimento delle procedure che dovranno rendere disponibili i finanziamenti ministeriali. Nello specifico, per la Piana di Lucca saranno realizzati interventi per 3 milioni di euro per fronteggiare il fenomeno della subsidenza, mentre 7 milioni andranno per il depuratore di Casa del Lupo che si aggiungono ad altri 7 milioni messi a disposizione dall’associazione industriali.

Torna all'archivio