[29/02/2008] Rifiuti

Riduzione imballaggi, Pistoia muove i primi passi

PISTOIA. Primi passi positivi per la riduzione degli imballaggi a Pistoia. Come greenreport aveva riferito nei giorni scorsi, l’amministrazione comunale ha manifestato l’intenzione di lavorare in maniera concertata con le categorie economiche e attraverso un’opera di informazione nei confronti dei cittadini, per realizzare una inversione di tendenza nell’ambito del rapporto tra consumo di prodotto e produzione del rifiuto, snodo di fondamentale importanza in un’ottica di futuro sostenibile sia a livello locale che globale.

L’incontro promosso dall’assessorato all’ambiente con i gestori dei supermercati del territorio, per dare avvio ad un confronto sulla riduzione degli imballaggi prodotti dalla media e grande distribuzione, ha dato primi esiti positivi. Erano presenti quasi tutti i soggetti invitati: Unicoop Firenze, SIidal srl e Di.Co., Conad del Tirreno, Esselunga e Supermercato Stazione (mancavano Panorama e Lidl Italia per impegni già presi in precedenza). La Lidl Italia, comunque ha dichiarato la disponibilità a partecipare al percorso. Inoltre era presente anche Publiambiente.

La discussione si è incentrata sulle varie esperienze messe già in atto nelle singole catene di distribuzione, di cui sono state evidenziate varie criticità e problematiche specifiche dai diversi soggetti commerciali presenti. L’assessorato all’ambiente ha poi proposto un percorso sul quale i gestori si sono trovati sostanzialmente d’accordo: innanzi tutto dare il via ad un primo intervento concreto e realizzabile fin da subito, individuato in una campagna di sensibilizzazione mirata nei diversi punti vendita pistoiesi all’uso di borse per la spesa riutilizzabili, in modo da ridurre l’uso dei sacchetti di plastica usa e getta.

Nel frattempo tutti i soggetti che hanno preso parte alla riunione si confronteranno al loro interno su altre possibili iniziative volte alla riduzione degli imballaggi: l’obiettivo è quello di arrivare alla stesura di un vero e proprio progetto condiviso tra l’amministrazione e la grande e media distribuzione, che vada nelle direzione tracciata di educare il cittadino-consumatore ad un approccio più consapevole ai prodotti, che tenga conto del loro rapporto con l’ambiente. La strada intrapresa è quella giusta, con l’obiettivo auspicabile di estendere almeno al territorio provinciale l’iniziativa. Il tempo dirà se i soggetti della distribuzione parteciperanno in modo sostanziale.


Torna all'archivio