[25/02/2008] Parchi

Parco delle Apuane, Legambiente boccia il piano della Regione

LIVORNO. Legambiente ha presentato le osservazioni al Piano del Parco Regionale delle Alpi Apuane con una premessa generale molto critica, ribadendo il proprio profondo dissenso per l’adozione di un Piano ‘mutilato’ dal Consiglio Regionale – e su pressione degli Enti Locali della Comunità di Parco – dalla disciplina e quindi dalla competenza delle aree estrattive, sollevando dubbi addirittura sulle legittimità del Piano.

Le osservazioni, in netta controtendenza rispetto alle posizioni di Associazioni venatorie ed Enti Locali, chiedono l’ampiamento del Parco per alcune aree naturali rimaste fuori e l’inclusione dei borghi di montagna all’interno dei confini.

La terza osservazione critica di Legambiente riguarda la tutela della biodiversità: il Piano, ormai datato a diversi anni fa, non considera le più recenti normative regionali ed europee sulla tutela diversità ecologica e, per Legambiente, va assoltamente aggiornato in quanto settore di fondamentale importanza per la missione istituzionale di un Parco naturale.

Ma Legambiente lancia anche un netto richiamo alle istituzioni regionali e locali.

«Dopo anni di gestazione – dichiara Antonio Nicoletti, responsabile nazionale aree protette di Legambiente – mediazioni, ripetute riduzioni dei confini e addirittura lo stralcio delle cave, il Piano del Parco delle Alpi Apuane va sostenuto e implementato invece di impallinarlo sotto un tiro incrociato. La Regione e gli Enti Locali della Comunità di Parco hanno il dovere istituzionale e politico di sostenere un Ente voluto con Legge Regionale, rilanciandone il ruolo di ‘regia’ di uno sviluppo delle Alpi Apuane ecologicamente e socialmente sostenibile».

Torna all'archivio