[20/02/2008] Rifiuti

L’Ue chiede ancora regole comuni per la sicurezza nucleare e la gestione delle scorie

BRUXELLES. Il commissario Ue all’energia, Andris Piebalgs, ha incontrato oggi il presidente del gruppo di alto livello sulla sicurezza nucleare e la gestione dei rifiuti (Ghn), Andrej Stritar, per discutere, in previsione della terza riunione del Ghn prevista per aprile, dell’elaborazione di regole comuni europee in campo nucleare.

«Le principali preoccupazioni dei cittadini in materia di energia nucleare - ha detto Piebalgs – sono la sicurezza nucleare e la gestione delle scorie radioattive. La priorità assoluta della Commissione in questo settore consiste nel rispondere a queste preoccupazioni. E’ essenziale che il membri del Ghn si accordino su principi comuni riguardanti la sicurezza nucleare che costituiranno una base solida per le attività del gruppo. I lavori del gruppo, che si basano sull’esperienza e le competenze dei membri di alto livello su scala nazionale, contribuiranno a definire gli ambiti nei quali l’applicazione di norme europee in materia di sicurezza nucleare rafforzerà la sicurezza e la fiducia dei cittadini.

Il Gruppo di alto livello è stato instituito dalla Commissione Ue nel 2007 per cercare di elaborare una posizione comune in una Ue dove le opinioni e le politiche pro e contro il nucleare dividono gli Stati fra di loro e al loro interno. E’ composta da alti funzionari e da autorità nazionali incaricate di regolamentare il settore nucleare e la sua sicurezza che dovrebbero aiutare la Commissione a censire le questioni relative alla sicurezza ed a trarne le priorità per proporre un quadro progressivo di regole comuni per l’Ue, basate sulla sicurezza degli impianti nucleari e di quella della gestione del combustibile irradiato e delle scorie radioattive. Andrej Stritar è il direttore dell’Autorità slovena per la sicurezza nucleare.

Torna all'archivio