[20/02/2008] Rifiuti

Riduzione imballaggi, e a Pistoia si cerca un accordo con la gdo

PISTOIA. Il problema dello smaltimento degli scarti di processo e di prodotto (di tutti i rifiuti per intenderci) è tale che anche contributi su scala locale che vanno nella direzione della riduzione a monte, almeno della componente degli imballaggi, appaiono quanto mai urgenti e necessari. Il comune di Pistoia in quest’ottica si sta muovendo ed è intenzionato a passare dalle parole ai fatti.

L’assessore all’ambiente Mario Tuci, incontrerà il prossimo 28 febbraio i gestori dei supermercati che hanno propri punti vendita sul territorio comunale, in modo da dare avvio ad un confronto sulla riduzione degli imballaggi prodotti dalla media e grande distribuzione. L’incontro, che dovrà servire ad impostare un dialogo ed un confronto concreto sulle reali possibilità di procedere ad una diminuzione degli imballaggi dei prodotti alimentari e non solo, nella consapevolezza che la riduzione dei rifiuti passa proprio attraverso una diversa gestione, a monte, dei materiali che sono destinati a diventare immediatamente scarto.

L’auspicio è che i gestori della grande distribuzione (Conad del Tirreno, Unicoop Firenze, Esselunga, Panorama, Lidl Italia, Sidal Marcket, Penny Market e Supermercato stazione), rispondano con una presenza operativa alla lettera d’invito che è stata loro inviata. Del resto si tratta di mettere in campo sul territorio pistoiese le esperienze già messe in essere in altre realtà a livello regionale e nazionale, alle quali l’amministrazione comunale guarda con grande interesse: utilizzo di distributori automatici per alcuni prodotti liquidi (dal latte, allo shampoo, ai detersivi, all’acqua), riduzione degli involucri per frutta e verdura, affettati, formaggi.

Come si vede si tratta di interventi sicuramente attuabili con un po’ di volontà, con un idea base sulla quale l’assessorato all’ambiente intende lavorare sicuramente positiva: interventi concertati con le categorie e informazione nei confronti dei cittadini, per realizzare una inversione di tendenza in un ambito che è molto delicato e di vitale importanza nell’ottica della sostenibilità, a livello sia locale che globale.


Torna all'archivio