[10/01/2008] Comunicati

Il difensore civico dà i voti (bassini) ai servizi pubblici

FIRENZE. Efficienza, trasparenza, dialogo con i gestori. Questo chiedono i cittadini in merito ai servizi pubblici. Ma pare, almeno stante alle valutazioni del Difensore civico, che per ora tali richieste siano rimaste inascoltate. «Sono meravigliato che le aziende che gestiscono i servizi non cerchino di conquistare la fiducia dei cittadini. Questo rimane il vero punto debole» dichiara Giorgio Morales, difensore civico regionale che oggi ha dato le pagelle ai servizi pubblici toscani.

Giudizi severi (poche le sufficienze) e previsioni di un’attività in costante crescita anche nel 2008, che confermano uno sviluppo continuo dell’attività della tutela non giurisdizionale e un notevole radicamento della Difesa civica in Regione Toscana.

«Confermo il trend in crescita degli anni passati- ha continuato Morales- dal 2005 ad oggi abbiamo sensibilmente aumentato il carico di lavoro e parallelamente diffuso una coscienza di difesa civica che nei cittadini prende sempre più piede. Segnale importante che deve far riflettere amministratori e politici e può essere valido contributo nelle scelte che si dovranno fare per migliorare erogazione dei servizi e nei rapporti con i cittadini».

Qualche dato. Il 2007 chiude con un +80% di pratiche aperte per un totale di 362 interventi (nel 2006 e nel 2005 erano rispettivamente 203 e 191) e con tutti i gestori in rosso in termini di “rapporti con l’utenza”: Telefonia: 5; Acqua, Enel e Trasporti: 4; Gas: 3. A salvarsi solo le Poste che strappano la sufficienza (6). Pare quindi che ci sia la necessità di un bel po’ di corsi di recupero.

Per quanto attiene l’”erogazione del servizio” Enel continua ad essere prima in classifica ma perde mezzo punto visto il numero più che triplicato di pratiche aperte. Erano infatti 13 nel 2006, 22 nel 2005, sono 43 quelle aperte nel 2007. Comunque il voto del difensore civico è più che sufficiente:7. Rimane ferma al palo Trenitalia con un servizio stabilmente insufficiente (4). La situazione va avanti così da anni.

Identico il giudizio per la telefonia, mentre un punto sopra (5) riescono a raggranellare acqua e poste. Sufficiente il Gas. Passano quasi tutti a pieni voti solo nella collaborazione con Morales: telefonia (10); poste (7,5); Enel (7); acqua (6,5); trasporti (6). Solo il gas in questo caso prende un “votaccio”: 4.

«Le difformità di rapporti gestori/utenti e gestori/difensore civico – ha sottolineato Morales - deve indurre ad un’attenta e rigorosa riflessione. I cittadini hanno il diritto di essere ascoltati e informati anche e soprattutto quando contattano direttamente le varie Società. Il mio intervento deve essere di aiuto e di collaborazione per tutti. Utenti e gestori. Non può fare la differenza solo perché figura istituzionale» ha concluso il difensore civico.

Torna all'archivio