[06/12/2007] Rifiuti

Gestori ambientali, nuove regole per l´iscrizione telematica all´Albo

LIVORNO. Arrivano le nuove regole per la gestione telematica dei documenti di iscrizione all’Albo gestori ambientali: con comunicato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, il Ministero dell’ambiente ha approvato la delibera del Comitato nazionale dell’Albo gestori ambientali dello scorso ottobre.

Il regolamento disciplina le modalità di trasmissione e gestione telematica delle domande e delle comunicazioni all’Albo nazionale gestori ambientali, delle visure, elenchi e certificazioni relative alle imprese. Emergono fra queste le procedure di emergenza in caso di mancato funzionamento del sistema informatico, l’utilizzo del dispositivo elettronico di firma digitale, la posta elettronica certificata.

Il provvedimento è soprattutto indirizzato alle Sezioni regionali e provinciali dell’Albo che intendo avviare la gestione telematica, proprio perché fornisce le direttive per la predisposizione, la tenuta, la conservazione e la gestione degli atti di competenza con l’impiego di tecniche informatiche.

L’Albo nazionale gestori ambientali è stato istituito dal Codice ambientale (art. 212 Dlgs 152/06) ed è la naturale evoluzione dell’Albo nazionale delle imprese previsto dal Decreto Ronchi che a sua volta derivava dall’Albo nazionale delle imprese esercenti servizio di smaltimento dei rifiuti del decreto legge del 1997.

All’albo devono obbligatoriamente iscriversi - secondo determinate procedure - i soggetti che effettuano attività di raccolta, trasporto, commercio e intermediazione di rifiuti, attività di bonifica siti inquinati e bonifica di beni contenenti amianto, attività di gestione di impianti di smaltimento e recupero rifiuti.

L’albo è organizzato in Sezioni regionali e provinciali e si compone di un Comitato nazionale che ha il potere di deliberare in materia di formazione, tenuta, aggiornamento e pubblicazione dei gestori ambientali, nonché in materia di criteri per l’iscrizione, la modalità di accertamento dei requisiti di idoneità tecnica e finanziaria di imprese e responsabili tecnici e di accertamenti ispettivi.

Torna all'archivio