[27/11/2007] Comunicati

Solvay: presto piena operatività del Progetto Aretusa, in stand by Gnl e IdroS

ROSIGNANO (Livorno). Tra la fine del 2007 e l’inizio del 2008 saranno completati il raccordo ferroviario tra la Cava di San Carlo e la stazione di San Vincenzo, per il trasporto su rotaia del calcare; l’aumento della produzione del Cloruro di Calcio (Progetto Pasta) e la piena operatività del Progetto Aretusa. Restano invece ancora in fase di attesa il Progetto GNL ed il Progetto IdroS (risparmio acqua dolce).

Sono i punti essenziali della parte ambientale del Bilancio di Sostenibilità 2006-2007 relativo ai siti Solvay di Rosignano, Ponteginori e San Carlo. Il documento, presentato stamani e giunto alla sesta edizione, raccoglie informazioni sulle performance economica, sociale e ambientale dello stabilimento e dei cantieri, le aspettative ed i pareri di circa 70 stakeholder (personale di stabilimento, enti, istituzioni, associazioni) in rappresentanza di 30 categorie e indica le proposte di miglioramento individuate da parte della Direzione.

Il Bilancio, rappresenta la fotografia di Solvay Rosignano sul piano della situazione economica, nelle modalità di relazione con il proprio personale e con gli stakeholder esterni (clienti, fornitori, istituzioni, collettività…) e sul piano delle performance ambientali e di sicurezza. In estrema sintesi nel 2006 il fatturato dello stabilimento è stato di oltre 310 milioni di Euro. Gli investimenti, quest’anno di entità eccezionale, sono stati pari a 56 Milioni.
Circa la ricaduta economica sul territorio, nel 2006, 110 Milioni di euro sono andati ad aziende toscane, mentre circa 44 sono stati destinati al personale aziendale e 11 alla pubblica amministrazione.
Tra 2006 e 2007 sono proseguiti gli sforzi per far avanzare progetti dal forte valore ambientale, tra i quali la nuova Elettrolisi a Membrana (Progetto Leonardo); la fermata definitiva della sala celle a mercurio ed un decisivo impulso per la riduzione dei solidi scaricati a mare, nel pieno rispetto dell’Accordo di Programma del 2003.

L’impegno di Solvay nella “Performance Ambientale”- si legge nella nota dell’azienda – si evince dai principali indicatori che consentono di verificare i risultati ottenuti. Una trentina di indicatori di performance, arricchiti da numerosi grafici e tabelle, documentano l’attenzione dedicata alla sicurezza e salute del personale e alla protezione dell’ambiente. Gli investimenti relativi effettuati nel 2006 ammontano a circa 18 milioni di euro, in aumento del 50% rispetto all’anno precedente, e le spese di esercizio relative a queste stesse aree sono state di oltre 9 milioni di euro. La sicurezza del Personale, dei processi produttivi e degli impianti, rimane un aspetto prioritario della gestione aziendale e richiede un ulteriore sforzo di miglioramento.

Per i cantieri di San Carlo e Ponteginori è stata conseguita la certificazione OHSAS 18001 relativa alla sicurezza nel lavoro e alla tutela della salute del personale e si punta ora alla certificazione dell’intero stabilimento. Per quanto riguarda la gestione di eventuali situazioni di emergenza, nel corso del 2006 oltre 1.400 persone dello stabilimento ed esterne hanno partecipato a circa 150 esercitazioni programmate usufruendo anche delle strutture aziendali per una formazione specifica antincendio. Tutte le unità di produzione e ricerca proseguono nel miglioramento continuo delle prestazioni, come previsto dalle procedure di certificazione ambientale ISO 14001, operativa nel sito di Rosignano e nei cantieri collegati di Ponteginori e San Carlo.

Torna all'archivio