[22/11/2007] Energia

Dal gasdotto opportunità anche per i piombinesi

PIOMBINO. Abbiamo recentemente appreso della firma di uno storico accordo tra l’Italia e l’Algeria per la costruzione di un importante gasdotto. A quanto sembra la Toscana, non ha avuto o saputo giocare un ruolo importante, almeno fino a questo momento, per la stesura di questo contratto, nonostante fosse noto negli ambienti politici che il collegamento probabilmente passasse proprio qui a Piombino e che la Snam del gruppo Eni costruisse la parte italiana del gasdotto. E´ ovvio che sarebbe stato molto importante per la nostra Regione esserne coinvolta e non a caso la regione Sardegna ha fatto di tutto per essere nella cosidetta "cabina di regia" al fine di ottenerne i massimi vantaggi (la Sardegna infatti ha ottenuto la deviazione del percorso del gasdotto e la completa metanizzazione dell´isola) mentre gli altri, Toscana compresa, il gas dovranno a quanto pare, comprarselo a prezzo pieno con nessuna ricaduta per le popolazioni locali.

Apprezziamo l´interessamento del sindaco Anselmi affinché il gas sia utilizzato per la riconversione della centrale Enel per cui noi ci siamo sempre battuti, ma a ciò non basta. Constatato che il gasdotto giungerà proprio a Piombino, riteniamo necessario che i piombinesi e tutte le altre zone della Val di Cornia usufruiscano di condizioni particolarmente vantaggiose per il consumo del gas, dato che per l´ennesima volta concedono l´uso del proprio territorio alle altrui necessità (fanghi, discariche, centrali, ecc.) e ci faremo promotori ai vari livelli di tutte quelle iniziative che consentano di ottenere questo obiettivo.

*rispettivamente della Segreteria Provinciale Sdi e Coordinatore Insieme per lo Sviluppo

Torna all'archivio