[16/03/2006] Comunicati

ll parlamento europeo accelera sulla biodiversitÓ

STRASBURGO. Il Parlamento europeo è preoccupato per la continua perdita di biodiversità e chiede alla Commissione e agli Stati membri di agire con più determinazione. Chiede l´adozione di misure per accertare la legalità di organismi vivi modificati importati e di vigilare affinché non sia indebolita la moratoria sulle tecnologie "terminator".

Per proteggere la biodiversità marina, i deputati chiedono anche di esaminare la possibilità di vietare la pesca a strascico. La diversità biologica «rappresenta il tessuto della vita ed è alla base della salute, della qualità della vita e della prosperità dell´uomo, e ha di per sé un valore intrinseco» afferma una risoluzione adottata con 419 voti favorevoli, 1 contrario e 15 astensioni.

La Convenzione ONU sulla diversità biologica (CBD) ha convenuto di ridurre significativamente il tasso di perdita della biodiversità entro il 2010, quindi per il parlamento occorre «accelerare il passo» per realizzare tale obiettivo tenendone conto nella politica di sviluppo e di aiuto dell´UE e migliorando «seriamente» l´attuazione delle direttive comunitarie sugli uccelli selvatici, sugli habitat e sulla rete Natura 2000.

I parlamentari europei chiedono che siano sviluppati indicatori della biodiversità, la cui applicazione effettiva «è ostacolata dalla mancanza di informazioni coerenti sull´efficacia delle misure già prese» e dalla difficoltà di presentare dati sullo stato delle biodiversità.

 

Torna all'archivio