[09/05/2013] News toscana

Arriva il nuovo Regolamento urbanistico di Firenze: la cittą sarą dei cittadini?

L'amministrazione comunale di Firenze sta elaborando il nuovo Regolamento urbanistico e al contempo continua ad arricchirsi di contributi e proposte sul tema della città. Particolarmente interessante è la collaborazione con l'Inu, l'Istituto nazionale di urbanistica, con cui ha organizzato  tre seminari che si terranno il 10, 15 e 22 maggio all'auditorium della scuola media Ottone Rosai, (area degli ex Macelli) in via dell'Arcovata.

«Si tratta di tre appuntamenti in cui l'Inu intende accompagnare la formazione del nuovo Regolamento con l'apporto di contributi scientifici e l'illustrazione di esperienze significative in stretto confronto con le esigenze di adeguamento della pianificazione alle attuali condizioni sociali ed economiche- ha dichiarato a greenreport.it il segretario Inu Toscana Luigi Pingitore- Il filo conduttore sarà molto operativo e le regole e i progetti messi a punto nel Regolamento Urbanistico per guidare le trasformazioni urbane, dovranno tener conto che siamo in tempo di crisi».

Il primo seminario del 10 maggio (9,30-13,30), "La città pubblica e i suoi spazi: sostenere il progetto di un nuovo modello sociale e urbano", è dedicato alla rigenerazione urbana, che  unisce reti fisiche e relazioni sociali. Il seminario sarà l'occasione per conoscere e confrontare  esperienze italiane ed europee, che pur nelle differenze di contesto, mostrano come si può migliorare la qualità urbana e della vita urbana, hanno spiegato da Inu Toscana.

Si guarderà all'Inghilterra, dove sono state elaborate numerose "guideline" a sostegno dell'Urban Design (Leonardo Rignanese, Inu Toscana); il "Masterplan del centro storico di Vicenza", uno strumento nuovo, che rilancia e attualizza l'approccio ai centri antichi (Marisa Fantin, Inu Edizioni, Inu Veneto); dalla "Biennale dello Spazio Pubblico" (Roma, 16-18 maggio) e dalle esperienze che vi si sono maturate, si trarranno buone pratiche anche di partecipazione consapevole alla riqualificazione delle nostre città (Chiara Pignaris, Inu Toscana); saranno illustrate tecniche e metodologie applicative di gestione dei progetti urbani e di contrasto alla rendita (Luca Nespolo, Università di Firenze) e si tratterà di accessibilità, componente irrinunciabile delle politiche urbane che intrecciano pianificazione e progetto (Francesco Alberti, Università di Firenze).

Di seguito è riportato il programma dei seminari che si terranno il 15 e il 22 maggio.

15 maggio 2013, ore 15,00-19,00

Il servizio dell'alloggio sociale tutela del welfare urbano: strategie e forme di rinnovamento del piano.

Introduce Elisabetta Meucci, assessore all'urbanistica Comune di Firenze.

Relazione e coordinamento di Franco Landini (Inu Toscana)

parte prima: analisi e politiche al fabbisogno abitativo

strategie di offerta di edilizia sociale, CRESME

l'edilizia sociale nei "Piani città", Stefano Brancaccio (CdP Inv. sgr)

parte seconda: esperienze a confronto

casa albergo residenza sociale a Torino, Antonio Fassone (Società Ivrea 24 Abitare sostenibile)
esperienze, metodi e problemi di perequazione nell'ambiente costruito, Stefano Stanghellini (Iuav)

22 maggio 2013, ore 15,00-19,00

Sistemi e metodi di concertazione nel governo del territorio

Introduce Elisabetta Meucci, assessore all'urbanistica Comune di Firenze

Relazione e coordinamento di Enrico Amante (Inu Toscana)

parte prima: esperienze a confronto

Luci e ombre dell'urbanistica consensuale in Lombardia, Luca Imberti (Inu Lombardia)
Il rapporto pubblico - privato nella costruzione del piano in Emilia Romagna, Rudi Fallaci (Inu Emilia Romagna)

parte seconda:  potere autoritativo e amministrazione partecipata

I privati nella pianificazione secondo la giurisprudenza amministrativa, (Tar Toscana)
L'attività amministrativa consensuale, D. Iaria, (Unisi)

Conclusioni, Silvia Viviani (Inu)

Gli esiti degli incontri saranno raccolti in un dossier di Urbanistica informazioni, la rivista on line dell'Inu, interamente dedicato al regolamento urbanistico di Firenze.

Torna all'archivio