[19/10/2009] News toscana

SarÓ all'insegna della green economy lo sviluppo della Val di Bisenzio?

FIRENZE. Prosegue il lavoro di "indagine" della nuova giunta provinciale pratese, per capire quali siano le effettive esigenze del territorio della Val di Bisenzio e poi avviare un percorso progettuale. A tal fine sono stati calendarizzati una serie di incontri con gli amministratori locali. Oggi è stato il turno del confronto con la Comunità montana presieduta da Marco Ciani. Oltre al presidente della provincia Lamberto Gestri e la sua giunta, all'incontro erano presenti anche i sindaci di Vernio (luogo in cui è stato tenuto l'incontro) Paolo Cecconi, di Cantagallo Ilaria Bugetti e il vicesindaco di Vaiano Primo Bosi. Al centro della discussione lo sviluppo della Val di Bisenzio secondo le direttrici della green-economy e dell'energia sostenibile con una proposta a cui lavorare da subito: incarichi alle aziende agro-forestali per i lavori di taglio e sistemazione dei fiumi con l'obiettivo del controllo del rischio idrogeologico. Fin qui nulla di particolarmente innovativo, anzi non sempre questi interventi hanno portato ai risultati sperati e talvolta hanno prodotto danni. Ma molti altri gli argomenti posti sul tavolo: la Comunità montana, ha proposto di istituire una scuola superiore in Vallata a indirizzo agrario o agro-forestale, mentre allo studio è il nuovo assetto del centro intercomunale di protezione civile. E' stata inoltre analizzata anche la possibilità, che offre la legge regionale, di affidamento tramite convenzioni da parte della provincia di alcuni servizi di base per portare il servizio stesso vicino al cittadino, con l'obiettivo anche di renderlo più omogeneo e diffuso nel territorio. Il presidente Gestri ha definito l'incontro «estremamente concreto e ricco di spunti operativi» che ovviamente  conosceremo nei prossimi giorni.

Torna all'archivio