[15/10/2009] News toscana

Un Diamante per sempre soprattutto se produce energia solare

FIRENZE. Un "Diamante"  alto 12 metri, con diametro di 8, dal prossimo sabato stazionerà permanentemente nel parco di Villa Demidoff a Pratolino, ed illuminerà i viali e la statua del Gigante dell'Appennino, opera del Giambologna. Si tratta di un prototipo di centrale energetica solare innovativa, progettato nel 2007 nell'ambito di una ricerca condotta congiuntamente, in virtù di una convenzione, dalla facoltà di Ingegneria dell'Università di Pisa e da Enel Ricerche. "Diamante" è una struttura geodetica in vetro e acciaio formato da 38 pannelli fotovoltaici a celle monocristalline, orientati a sud, e 42 facce in vetro temprato. Ha dimensioni che seguono le proporzioni presenti in natura e nasce per dare energia elettrica a sistemi edilizi ubicati in contesti naturalistici e ambientali di pregio storico ed artistico, ispirandosi a categorie matematiche e geometriche desunte dall'architettura classica. Nel gruppo di lavoro che ha realizzato il progetto, Pier Luigi Maffei, docente di Architettura tecnica: «Il sistema intende dimostrare la possibilità di impiegare l'energia rinnovabile del sole per la produzione dell'idrogeno. Al suo interno ci sono tre sfere in vetroresina disposte secondo la geometria aurea dove sono collocati i serbatoi degli idruri metallici che, mediante un processo di elettrolisi, consentono di ottenere energia elettrica di giorno e di notte. I pannelli fotovoltaici in silicio policristallino, adeguatamente orientati, montati su alcune delle facce triangolari, sono infatti in grado di produrre energia elettrica che per il surplus viene accumulata sotto forma di idrogeno. Il sistema integrato di produzione e stoccaggio di energia da fonte solare - ha concluso Maffei- assicura una continuità di erogazione e garantisce l'autosufficienza energetica di un piccolo condominio». "Diamante" è predisposto anche per utilizzare la geotermia quale fonte energetica ecosostenibile, tramite una sonda centrale di accesso a falde sotterranee, per sfruttare il gradiente termico per la produzione di condizionamento dell'aria, in estate ed in inverno. La struttura che in seguito potrà essere usata anche nella mobilità, come distributore di energia per veicoli elettrici, sarà utilizzata anche a fini didattici con spazi che accoglieranno le scolaresche e visitatori.

All'inaugurazione prevista per le ore 11, saranno presenti Annarita Bramerini, assessore alla Tutela ambientale ed energia della Regione Toscana, Andrea Barducci, presidente della provincia di Firenze, e Matteo Renzi, sindaco di Firenze.

Torna all'archivio